Ercolano, Casa del salone nero

Pompei, Tempio di Giove

Torre Annunziata, Villa di Poppea, part. affresco

Boscoreale, Villa di P. Fannio Sinistore, affreschi

Castellammare di Stabia - Villa San Marco

Pompei, Casa dei Vetti, affresco del triclinio

Pompei, Casa dei Vetti, part. amorini profumieri

Pompei, Arco Onorario di Via di Mercurio

Castellammare di Stabia - Villa di Arianna, affreschi

Pompei, panorama

Pompei, Casa dei Vetti

Torre Annunziata, Villa di Poppea

Ercolano, Casa di Nettuno e Anfitrite

Boscoreale, Villa Regina, cella vinaria

Boscoreale, Villa Regina

Torre Annunziata, Villa di Poppea, affreschi

L’Associazione Internazionale "Amici di Pompei", fondata da Amedeo Maiuri, è sorta il 13 luglio 1955 con atto del notaio dott. Romolo Scivicco, registrato a Napoli il 16 luglio 1955 al n. 1555, allo scopo di promuovere "la migliore conoscenza di Pompei, l’incremento degli studi e degli scavi pompeiani, nonchè la conservazione dei monumenti dell’antica città" (art. 2, Statuto 1955).
L’Associazione, senza fini di lucro, intende appoggiare le Istituzioni preposte alla tutela: non a caso, il Soprintendente di Napoli e Pompei in carica presiede il Consiglio Scientifico dell’ Associazione. Fra le attività sociali vi sono l’ organizzazione di cicli di conferenze e di visite nei siti archeologici, non solo di competenza della Soprintendenza.
Attualmente l’Associazione è presieduta dal noto archeologo prof. Antonio Varone.

L’Associazione pubblica da anni una propria rivista specializzata in studi di pompeianistica, prima chiamata "Cronache Pompeiane" (ed. Macchiaroli, Napoli, nn. I a V, 1975 - 1979), poi "Pompeii Herculaneum e Stabiae" (numero unico I, 1983, Pompei) e attualmente "Rivista di Studi Pompeiani" (I-1987, XXXIV-2023 Roma, L’ Erma di Bretschneider). La Rivista ha periodicità annuale e pubblica i contributi dei maggiori studiosi di pompeianistica, ma anche di giovani laureati meritevoli nel campo di tali studi.
I lavori devono essere sottoposti, prima della pubblicazione, al giudizio del Direttore della Rivista che presiede il comitato scientifico.
Molto importante è la sezione del Notiziario che, di anno in anno, dà conto degli scavi e/o delle attività scientifiche svolte dalla Soprintendenza archeologica di Napoli e Pompei attraverso i propri uffici periferici, o da Istituti Universitari o di Cultura italiani e stranieri.

Nel 2007 si è affiancata alla Rivista una nuova collana edita dall’Associazione, i "Quaderni di Studi Pompeiani" (da  I-2007 a IX-2023).

L’Associazione svolge da anni un’importante attività scientifica - culturale, di cui all’articolo della dott.ssa V. Castiglione Morelli, edito nel numero XX - 2009 della Rivista di Studi Pompeiani.

Lo Statuto dell’Associazione è stato aggiornato alle nuove esigenze con atto del notaio dott. Francesco Matrone del 29 aprile 2022, registrato a Napoli il 7 maggio 2022 al n. 9656 serie 1T.
La Regione Campania ha iscritto la nostra Associazione nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), art. 46, co. 1 sez. g, D. Lgs del 3 luglio 2017 n. 117 e s.m.i., con attribuzione di personalità giuridica. La denominazione ufficiale della stessa diviene pertanto Associazione Internazionale "Amici di Pompei ETS".

Sede e Segreteria: Auditorium Scavi di Pompei - Piazza Esedra, 5 - 80045 POMPEI
Tel. +39 081.8586417