Ercolano, Casa di Nettuno e Anfitrite

Boscoreale, Villa Regina, cella vinaria

Pompei, Casa dei Vetti, affresco del triclinio

Torre Annunziata, Villa di Poppea, affreschi

Torre Annunziata, Villa di Poppea

Castellammare di Stabia - Villa San Marco

Boscoreale, Villa di P. Fannio Sinistore, affreschi

Pompei, panorama

Castellammare di Stabia - Villa di Arianna, affreschi

Boscoreale, Villa Regina

Torre Annunziata, Villa di Poppea, part. affresco

Pompei, Tempio di Giove

Pompei, Casa dei Vetti

Pompei, Arco Onorario di Via di Mercurio

Ercolano, Casa del salone nero

Pompei, Casa dei Vetti, part. amorini profumieri

L’Associazione Internazionale "Amici di Pompei", fondata da Amedeo Maiuri, è sorta il 13 luglio 1955 con atto del notaio dott. Romolo Scivicco, registrato a Napoli il 16 luglio 1955 al n. 1555, allo scopo di promuovere "la migliore conoscenza di Pompei, l’incremento degli studi e degli scavi pompeiani, nonchè la conservazione dei monumenti dell’antica città" (art. 2, Statuto 1955).
L’Associazione, senza fini di lucro, intende appoggiare le Istituzioni preposte alla tutela: non a caso, il Soprintendente di Napoli e Pompei in carica presiede il Consiglio Scientifico dell’ Associazione. Fra le attività sociali vi sono l’ organizzazione di cicli di conferenze e di visite nei siti archeologici, non solo di competenza della Soprintendenza.
Attualmente l’Associazione è presieduta dal noto archeologo e accademico dei Lincei prof. Fausto Zevi.

L’Associazione pubblica da anni una propria rivista specializzata in studi di pompeianistica, prima chiamata "Cronache Pompeiane" (ed. Macchiaroli, Napoli, nn. I a V, 1975 - 1979), poi "Pompeii Herculaneum e Stabiae" (numero unico I, 1983, Pompei) e attualmente "Rivista di Studi Pompeiani" (I - XXII, 1987 - 2011 Roma, L’ Erma di Bretschneider). La Rivista ha periodicità annuale e pubblica i contributi dei maggiori studiosi di pompeianistica, ma anche di giovani laureati meritevoli nel campo di tali studi.
I lavori devono essere sottoposti, prima della pubblicazione, al giudizio del Direttore della Rivista che presiede il comitato scientifico.
Molto importante è la sezione del Notiziario che, di anno in anno, dà conto degli scavi e/o delle attività scientifiche svolte dalla Soprintendenza archeologica di Napoli e Pompei attraverso i propri uffici periferici, o da Istituti Universitari o di Cultura italiani e stranieri.

Nel 2007 si è affiancata alla Rivista una nuova collana edita dall’Associazione, i "Quaderni di Studi Pompeiani" ( I - VI, 2007 - 2013).

L’Associazione svolge da anni un’importante attività scientifica - culturale, di cui all’articolo della dott.ssa V. Castiglione Morelli, edito nel numero XX - 2009 della Rivista di Studi Pompeiani.

Lo Statuto dell’Associazione è stato aggiornato alle nuove esigenze con atto del notaio dott. Raffaele Matrone del 6 luglio 2005, registrato a Castellammare di Stabia il 7 luglio 2005 al n. 2966/17.

Sede e Segreteria: Auditorium Scavi di Pompei - Piazza Esedra, 5 - 80045 POMPEI
Tel. Segreteria +39 081.8632941